I Commissione

I Commissione

fibra-ottica
Bilancio e Programmazione – Patrimonio – Economato – Organizzazione Uffici – Servizi Demografici – Lavoro – Attività produttive
  1. TRASPARENZA totale del BILANCIO e delle SPESE della Circoscrizione, con l’indicazione della Commissione di riferimento, dei costi e dei beneficiari per ogni iniziativa o progetto in corso di realizzazione (affidamenti o contributi); tale elenco dovrà essere aggiornato mensilmente affinché i cittadini possano verificare il corretto utilizzo dei fondi assegnati alla Circoscrizione.
  2. Controllo e pubblicazione di tutte le gare d’appalto approfittando dell’unione delle due circoscrizioni.
  3. Controllo sulle persone fisiche delle varie associazioni, partecipanti alle gare d’appalto, sulle pendenze penali.
  4. Trasmissione in diretta streaming, e registrazione per visione successiva, sul sito istituzionale della Circoscrizione due, del Consiglio Circoscrizionale e delle riunioni di Commissioni, affinché i cittadini che non possono presenziare alle riunioni siano comunque partecipi dei lavori svolti dai propri rappresentanti.- l’attrezzatura della circoscrizione 10, nel caso ci si spostasse tutti nella 2 sarebbe utilizzabile (voto elettronico, materiale audiovisivo, ecc).
  5. Sportello segnalazioni e proposte con una persona ( presidente o consigliere) che riceve i cittadini ( ad esempio il venerdì con orario 16/19) ed una segreteria telefonica attiva 24/24h – servizio utile per determinare emergenze operative (zone pericolose, danneggiamenti, ecc), scovare evasioni di imposta tramite segnalazioni di non rilasci di scontrini, collezionare segnalazioni di lavoratori “in nero”.
  6. Interventi diffusi per ammortizzare le spese tra tanti attori (gruppo d’acquisto) anche per interventi di innovazione (coperture fotovoltaiche, interventi inerenti l’efficienza energetica);
  7. Realizzazione di un notiziario sulle bacheche esterne o di un giornalino di Circoscrizione che permetta ai cittadini interessati di essere avvisati per tempo delle attività che vengono svolte sul territorio (iniziative, lavori in corso, modifiche viabilità, ecc)
  8. Opposizione alla realizzazione di altri centri commerciali nella circoscrizione.
  9. Rilancio dell’artigianato: mappa delle attività artigianali, anche storiche, del quartiere per farle conoscere ai cittadini residenti. Campagna di comunicazione a sostegno dei prodotti stagionali e dei prodotti tipici del territorio offerti dai produttori locali.
  10. Sconti ai residenti se effettuano acquisti nei negozi della zona: Buoni Voucher da utilizzare solamente nei negozi di zona o nei banchi del mercato zonale che partecipano al progetto; Baratto amministrativo (a livello comunale) per disoccupati e inoccupati che effettuano lavori per il quartiere (ad esempio taglio dell’erba, manutenzione aree giochi) in cambio di voucher per acquisti nei negozi del quartiere stesso.
  11. Lista delle competenze degli abitanti disoccupati e non della circoscrizione per far incontrare domanda e offerta dal nome: “IO NON LAVORO” con creazione di una eventuale graduatoria.
  12. Individuazione in maniera partecipata per la fruizione di locali della Circoscrizione.
  13. Organizzazione di eventi di scambio solidale tra cittadini (baratti, donazioni, riutilizzo) istituendo dei mercatini dell’usato in una location identificata e ad esempio sempre la seconda domenica del mese.
  14. Promozione di laboratori di educazione alimentare aperti a bambini e genitori, promuovendo la partecipazione di entrambe le parti al fine di arginare la piaga dell’obesità infantile e di promuovere stili di vita sani

 

PROGRAMMA DISCORSIVO COMMISSIONE I

Il nuovo Regolamento sul decentramento cittadino ha stabilito con l’articolo 65 una nuova articolazione delle Circoscrizioni cittadine determinando l’accorpamento tra le ex Circoscrizioni 2 e 10.

La nuova Circoscrizione avrà un’estensione di circa 19.000.000 metri quadri e sarà la più popolata con un totale di 140.000 residenti su quasi 900.000 di Torino città.

Le diverse realtà presenti nei quartieri non possono essere trattate come una semplice somma aritmetica e neppure gestite attraverso un livellamento di servizi.

Questa unificazione richiama la politica ad una rivisitazione complessa, complessiva ed a più livelli dei bisogni del territorio e dei Cittadini residenti.

Questa è la grande sfida per il futuro della Circoscrizione.

Il nuovo Consiglio sarà chiamato ad un’importante azione su più piani, coinvolgente più servizi che dovrà essere condotta e gestita attraverso un aumento dei trasferimenti di risorse economiche.

E’ indispensabile, quindi, richiedere una quota correttamente rapportata e commisurata alla nuova realtà territoriale, ulteriori decentramenti di funzioni, demografica e di servizi.

Si rende necessario, quindi, sviluppare delle linee operative chiare e fatte di vere priorità, oltre ad attuare una severa e trasparente gestione del bilancio di spesa.

Ciò non potrà accadere se non si adotteranno principi diversi da quelli che le Giunte precedenti hanno assunto.

Il Movimento ritiene fondamentale che il buon Governo non sia solo una gestione oculata e trasparente delle risorse, ma che in primis si parta dall’esempio dei Consiglieri.

Per questo motivo ritiene indispensabile un inequivocabile segnale di impegno di chi ha la responsabilità della gestione.

In questo senso adottare un Regolamento più stringente per l’erogazione dei rimborsi per i Consiglieri che assolva al principio di chiarezza circa la loro presenza ai lavori è un atto dovuto e di rispetto verso la cittadinanza.

La necessità di trovare risorse e di armonizzare le spese eliminando sprechi e dispersioni è fondamentale per promuovere sul territorio nuove iniziative.

La buona amministrazione dovrà approntare un piano organico definendo le priorità di intervento redigendo un Regolamento per le attribuzioni privilegiando l’eliminazione di situazioni di svantaggio o di sostentamento piuttosto che meramente ludiche.

La rivisitazione degli affidamenti e la successiva pubblicazione dei soggetti coinvolti potrebbe trasformarsi in un momento di risparmio e successivamente di utilizzo di risorse interne alla Circoscrizione.

In questo senso si pone il coinvolgimento dei Cittadini appartenenti alle fasce deboli attraverso lavori di utilità che talune volte di fatto non curati dal Comune come le piccole aree verdi.

Per dare attuazione a progetti validi occorrerà organizzare preventivamente un censimento dei soggetti presenti sul territorio che possano essere interessati e coinvolti.

La necessità di recuperare risorse economiche coinvolge anche situazioni che possono apparire marginali come quelle di richiedere al comune la retrocessione di quote di affitti di locali in Circoscrizione e redigere un censimento completo di questi immobili ed assumere criteri più importanti negli affidamenti.

Il rilancio, la rivalorizzazione e la promozione delle attività artigianali e del piccolo consumo insistenti nel tessuto circoscrizionale, passata attraverso una nuova mappatura, deve avere caratteri ben definiti sia nelle azioni a supporto che con la ferma opposizione alle logiche dei centri della grande distribuzione.

Occorre favorire, quindi, il consumo interno agevolando i cittadini sia nell’informazione che negli acquisti diffondendo ad esempio l’utilizzo di sconti/vaucher ai residenti per gli acquisti in Circoscrizione.

Saranno, altresì, promossi e sostenuti i Gruppi di Acquisto Solidale che sono soggetti con grande valenza sociale verso le fasce deboli ed anche incentivate altre forme di organizzazione per eventi di scambio solidale tra Cittadini come il baratto, le donazioni od il riutilizzo.

Le varie forme di volontariato, da sempre presenti sul territorio, offrono grandi opportunità sia di valorizzazione umana che di utilità sociale; si pensi al modello “nonno vigile” che non deve essere motivo di abbandono del controllo diretto del territorio da parte dei Vigili Urbani.

Essi, infatti, dovranno essere chiamati a un impegno maggiore in talune criticità conosciute.

Il controllo del territorio è fattore indispensabile per la sicurezza e lo sviluppo e deve essere necessariamente eseguito con maggior costanza attraverso le varie forme di vigilanza pubblica, ma anche dei Cittadini stessi.

Deve rivestire importanza lo sportello di Circoscrizione al quale il Cittadino potrà rivolgersi per segnalazioni circa la sicurezza e la legalità, oppure ottenere informazioni.

Il contatto continuo con la Circoscrizione favorisce la partecipazione e diminuisce la deriva verso la continua delega che porta con se l’allontanamento dei Cittadini dalla politica e soprattutto dalle scelte che inequivocabilmente incideranno sulla propria vita sociale.

Si promuoveranno azioni di informazione e trasparenza che consentiranno al Cittadino di verificare le scelte e le spese dell’amministrazione, anche attraverso pubblicazioni, trasmissioni in streaming o altri strumenti idonei a far conoscere i lavori svolti durante le sedute del Consiglio e/o nelle Commissioni.

Riveste caratteristica importante l’integrazione fra politiche attive del lavoro, attraverso interventi di aggregazione e/o socializzazione, di assistenza a vari livelli, di sostegno educativo e culturali, con la collaborazione sempre più stretta con soggetti istituzionali e non presenti sul territorio e ricercando una fattiva collaborazione con la Divisione Lavoro del Comune, i Servizi Sociali di Zona, il Centro Lavoro e l’unità locale del Centro per l’Impiego presenti sul territorio.

A tal fine è utile aprire un tavolo permanente di lavoro con Sindacati, comitati di cassaintegrati ed imprenditori locali.

Occorre intensificare il rapporto in special modo con le scuole medie superiori del territorio azioni di supporto/convenzioni in relazione alla conoscenza del mercato del lavoro anche rispetto alla nuova riforma scolastica.

Con l’accorpamento circoscrizionale si procederà a tarare l’impatto sui servizi facenti capo alla Circoscrizione procedendo eventualmente all’armonizzazione dei servizi e del personale amministrativo con attenzione allo sviluppo delle professionalità e dei supporti informatici.

Riveste particolare attenzione il richiamo al Comune circa il valore del parere della Circoscrizione su argomenti quali le varianti urbanistiche sia per ciò che concerne la valorizzazione del territorio, considerando le peculiarità dei quartieri che la compongono, che dell’organizzazione e dei servizi di trasporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *