La circoscrizione più pazza del mondo

30 luglio 2019, ore 19:00, siamo in aula di consiglio della circoscrizione 2 a Mirafiori, il consiglio che abbiamo chiesto di convocare utilizzando le firme di un quinto dei consiglieri circoscrizionali.
All’interno dell’ordine del giorno ci sono le nostre due mozioni che sono state presentate a MARZO e mai discusse, e altri punti tra cui tre delibere di progetti presentati da associazioni e comitati di quartiere.
Prima dell’apertura del consiglio la presidente Bernardini ha comunicato a microfono che la maggioranza era presente con responsabilitá nonostante le defezioni di 5 consiglieri e che avrebbero tenuto il numero legale.
Poi ha aggiunto che avrebbero ritirato le 3 delibere.
Noi siamo rimasti sbigottiti come molti della maggioranza, tanto che Genco, capogruppo dei moderati, ha chiesto una riunione di maggioranza dato che la decisione non era stata condivisa.

Dopo 20 minuti sono ritornati e la presidente ha ribadito lo spostamento delle delibere al primo consiglio di settembre mentre Genco ha ribattuto che il gruppo dei moderati era contrario alla decisione e che sarebbe nato un PROBLEMA POLITICO.
Subito dopo la capogruppo del PD Ferrero e i consiglieri Demartino e Prisco sono andati via dall’aula.

Ora piú che mai é PALESE il problema della maggioranza della circoscrizione 2, é palese la RESPONSABILITA’ della presidente e dei consiglieri che la seguono in questa gestione assurda di un territorio che meriterebbe molto di piú.

20:40 Dopo la votazione delle nostre mozioni, 1- inserimento delle registrazioni dei consigli e commissioni sul sito, 2- mappatura di antenne e ripetitori sul nostro territorio, il consigliere Bossuto, con una mozione d’ordine, si é appellato al fatto che si sia andati contro la decisione della conferenza dei capigruppo e con una votazione son state RE-INSERITE LE DELIBERE NELL’ORDINE DEL GIORNO!

Come ha detto la consigliera Grimaudo in consiglio, siamo nella CIRCOSCRIZIONE PIU’ PAZZA DE MONDO. Solo che questo film purtroppo non fa ridere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *