Archivio mensile:settembre 2017

Ostruzionismo

Questa mattina siamo tornati a casa alle 3:00 dopo aver iniziato il consiglio circoscrizionale alle 19:00 il giorno prima.

Come mai così tardi? Il gruppo del movimento 5 stelle e parte della minoranza ha portato avanti una protesta composta da emendamenti ostruzionistici, una delle poche armi in mano all’opposizione, per arginare il protrarsi del comportamento tenuto dalla maggioranza e dalla presidente secondo noi (e parte della maggioranza stessa) non consono al normale rapporto tra consiglieri.

Le delibere sulla concessione delle bocciofile son state nuovamente rimandate al prossimo consiglio per mancanza della documentazione richiesta la scorsa settimana, e fino alle 00:30 siamo stati fermi sulla terza deliberazione, mentre il consiglio perdeva pezzi di maggioranza e minoranza.

Poi, grazie ad una capigruppo “notturna” e ad un impegno della presidente nel migliorare e normalizzare i rapporti del consiglio, senza chiedere nient’altro in cambio noi e il consigliere di “Torino in Comune” abbiamo ritirato gli emendamenti, discutendo e votando via via i punti presenti nell’ordine del giorno, 8 della minoranza e 9 della maggioranza, fino alle 2:20.

La scorsa notte abbiamo tenuto il numero legale noi dato che la maggioranza era di nuovo sotto i 13 consiglieri, non volevamo che la nostra circoscrizione finisse nuovamente sulla stampa per questioni di malgoverno, non siamo stati sulle barricate per principio, abbiamo concesso una mediazione confidando nella promessa della presidente Bernardini e nel fatto che d’ora in poi tutto funzionerà nel modo migliore nell’interesse generale e dei cittadini.

Incontro pubblico con l’assessore Unia sulla ciclopista di via Plava

L’incontro di questa sera, organizzato dall’Assessorato all’ambiente sul tema della costruzione del proseguimento della ciclopista di via Plava, è stato partecipato dai cittadini che sono venuti in via Negarville a parlare liberamente con l’assessore Alberto Unia.

Presenti anche gli uffici deputati alla realizzazione dell’opera, che hanno risposto alle molte domande e perplessità dei partecipanti.

L’Assemblea si è svolta con un buon clima, molti hanno plaudito alla costruzione della pista, altri hanno mosso qualche critica per la nuova distribuzione dei parcheggi e soprattutto per la necessità di avere un controllo più serrato delle forze dell’ordine.

Sono arrivati anche alcuni suggerimenti per quanto riguarda il percorso dei mezzi pubblici, sull’eventualità di pedonalizzare piazzetta Jona davanti alle scuole e istituire una zona di disco orario nella piazza della chiesa per avere un ricambio più frequente delle auto in sosta.

Siamo fieri di avere assessori e la sindaca che incontrano i cittadini e organizzano queste serate anche su temi divisivi, saper ascoltare è fondamentale per fare bene.

 

Gruppo consiliare M5S circoscrizione 2

 

Sala polivalente via Negarville

La Circoscrizione 2 delibera e si salva…

Dopo 4 mesi dall’ultima delibera in Circoscrizione 2, dopo 3 consigli consecutivi saltati per mancanza di numero legale, dopo aver finito i lavori prevacanzieri prima delle altre circoscrizioni e averli ripresi dopo, la Presidente ha convocato il Consiglio circoscrizionale URGENTE , che si tenuto ieri sera alle 19.50h. Perché URGENTE se c’era tutto il tempo di convocarlo in questi mesi? il motivo è il COMMISSARIAMENTO, ovvero l’anticamera dello scioglimento, tutti a casa insomma. Questo perché se una Circoscrizione non produce delibere per 90 giorni viene sciolta e la nostra Circoscrizione è arrivata all’apice dell’immobilismo per via delle lotte politiche interne del PD presenti sin dal giorno dell’insediamento. Questo immobilismo ha portato alla inefficienza di questa circoscrizione che negli ultimi giorni ha rappresentato solo un costo a carico dei cittadini, con perenni commissioni e in completa assenza di attività deliberativa che è il compito principale di una amministrazione democratica.

Volutamente noi Consiglieri di Circoscrizione 2 del Movimento 5 Stelle non abbiamo in alcun modo partecipato alla bagarre sulle lotte interne del PD o a ipotesi di alleanze/accordi sottobanco per assegnare poltrone, cosa che abbiamo sempre respinto a tutti i livelli.

Alla fine ieri la Presidente ha salvato la Circoscrizione dal Comissariamento grazie al passaggio di una delibera con la tregua armata del suo partito giusto per superare lo scoglio, e rimandando tutte le altre delibere al prossimo Consiglio (menomale che era urgente! ).

Intanto auguriamo a tutti Buone feste, visto che forse la prossima delibera arriverà tra altri 90 giorni, sotto la neve del Natale.

GIOVEDÌ 21 SETTEMBRE ALLE ORE 21, INCONTRO PUBBLICO CICLOPISTA VIA PLAVA

GIOVEDÌ 21 SETTEMBRE ALLE ORE 21, presso la sala polivalente di via Negarville 30/2a

Visto che dalla circoscrizione 2 non arriva nessun seguito e segnale di interesse sul tema, dopo la commissione comunale e quella richiesta in circoscrizione prima delle vacanze, ci sarà un incontro pubblico organizzato dall’assessorato all’ambiente nel corso del quale saranno illustrati i lavori previsti per la realizzazione della nuova pista ciclabile di via Anselmetti e via Plava.

Sarà presente l’assessore al verde Alberto Unia e gli uffici tecnici della città.

 

Consiglio circoscrizionale URGENTE.. Per chi?

Dopo 4 mesi dall’ultima delibera in circoscrizione 2, dopo 3 consigli consecutivi saltati per mancanza di numero legale, dopo aver finito i lavori pre-vacanzieri prima delle altre circoscrizioni e averli ripresi dopo, la presidente oggi ha convocato il consiglio circoscrizionale in modo URGENTE per DOMANI alle 19:50.
Premesso che visto l’ordine del giorno IDENTICO all’ultimo pre-vacanze c’era tutto il tempo di convocarlo la scorsa settimana, perchè utilizzare la modalità DI URGENZA?
QUALI SONO LE COMPROVATE MOTIVAZIONI DELL’URGENZA?
Ma poi se il ritrovo del consiglio è stato stabilito dalla capigruppo nel giorno di giovedì, PERCHE’ DI MERCOLEDI? E poi, se si era deciso e sempre rispettato l’orario delle 18, max 18:30, PERCHE’ ALLE 8 MENO DIECI?
Convocare un consiglio a quell’ora con ben 11 punti all’ordine del giorno e 9 documenti da discutere e votare (6 delibere, 2 mozioni e 1 odg) non è il preludio ad una fine anticipata?
Forse la presidente mira solo a CONQUISTARE una delibera così da INTERROMPERE LA SEQUENZA DI GIORNI DI INATTIVITA’ PER NON INCORRERE IN SANZIONI DA PARTE DEL COMUNE?
Quella parte di maggioranza che fin’ora le ha dato battaglia con le assenze, questa volta TERRA’ IL NUMERO LEGALE IN CAMBIO DI QUALCHE FAVORE O SEGGIOLA ALL’INTERNO DELLA GIUNTA?
Noi come al solito NON CI STIAMO a questo comportamento da VECCHIA REPUBBLICA che pensa alle POLTRONE al posto del TERRITORIO e dei CITTADINI.