Il Consiglio alla 2 – Un’avventura di Mogol e Battisti.

Il brano parla di due ragazzi che si innamorano e sono sicuri che non sarà un sentimenti passeggero; finchè morte non ci separi, così anelano.

Una dichiarazione d’amore davvero toccante ed inaspettata.

Oggi pomeriggio, durante il Consiglio della Circoscrizione 2, abbiamo assistito all’esecuzione di una cover della famosa canzone.

Il titolo è ovviamente lo stesso : Un’avventura.

Esegue la cover L. B. con la partecipazione del PD e la sua Orchestra da Camera.

Avevo promesso a me stesso di tralasciare toni sarcastici per descrivere quanto avvenuto ma, ahimè, sono un debole ma … conoscete la favola della rana e dello scorpione no ?

Provo, quindi, a descrivere l’accaduto.

Dopo oltre venti minuti di attesa in una sala consiliare gremitissima è iniziato il secondo Consiglio.

Un inizio che quindi già indica un’ulteriore attenzione particolare verso i Cittadini.

Ricordo, infatti, che il primo Consiglio non ha avuto esito ma ha solo testimoniato l’incapacità della maggioranza nel votare la Presidente della Circoscrizione.

Un costo che pesa sulla cittadinanza, una immagine poco edificante della maggioranza ed uno scarso senso di responsabilità politica dei suoi Consiglieri.

Nonostante questo poco edificante esempio ecco che oggi ci sono voluti oltre venti minuti prima che prima che il Consigliere anziano, bontà sua, aprisse i lavori.
Il riguardo verso i presenti probabilmente per alcuni è ancora da comprendere.

Ed ecco che è chiamata ad intervenire la Consigliera Bernardini candidata Presidente per la maggioranza.
Un discorso con tono lento molto istituzionale, ma che lascia il segno, soprattutto per le tracce di un ringraziamento forse più servile che politico.

Ringrazia due Consiglieri incensandone la scelta di condividere la sua elezione nonostante … non gli venisse riconosciuta alcuna poltrona con braccioli e neppure uno sgabello.

Comprendo quanto sia stata difficile la scelta politica dei due Consiglieri che probabilmente vedremo anche raffigurati tra i beati in Circoscrizione.

Ringrazia anche altri Consiglieri, seppur con toni meno eroici, e si spera per questo nella non permalosità di questi ultimi.

Ora iniziano gli interventi dei Consiglieri : il primo è quello del Consigliere 5 Stelle che riscuote un buon applauso del pubblico suscitando un gesto poco simpatico di qualche pezzo da 90 di futuro Coordinatore.

Lo stesso che poi non reagisce per nulla all’applauso per l’elezione del suo Presidente.

Si potrebbe malignamente pensare all’adozione, tipica di una parte politica, del sistema “due pesi e due misure”, ma io non sono affatto maligno.

Ma torniamo al primo intervento ; scontato nel contenuto, espresso tono fermo ma pacato, senza attacchi personali, che domanda più rispetto verso i Cittadini in considerazione di quanto accaduto al Consiglio precedente.

Già questo strano inizio potrebbe incuriosire, ma saranno gli altri interventi stupire maggiormente calamitando l’attenzione.

Il Consigliere di Forza Italia, infatti, inizia con un lungo articolato e pregnante intervento di critica alla maggioranza formatasi da una sua propria profonda convinzione, e prosegue affermando che la maggioranza ostacola, per sua endemica incapacità, la formazione di un governo.

Ci si aspetterebbe, quindi, un voto contrario, giusto per coerenza con se stesso, invece … esprime voto favorevole !

Forse il caldo ? mah ? tuttavia la malignità vuole che questo tipo di dissociazione politico/personale possa essere un piccolissimo elemento che ha determinato quanto indicato negli ultimi manifesti comparsi per Torino del Candidato comunale Tronzano.

Ma oggi i Consiglieri intendono stupire ulteriormente.
Interviene il Consigliere della lista di “Rosso sindaco” e anche lui, con tono ancora più vivace, esprime il suo personale disappunto verso ciò che è accaduto e verso quindi la maggioranza che si avviluppa attorno a se stessa senza dare governabilità.

Anche in questo caso parrebbe coerente il suo voto contrario invece, come per segno divino ricevuto, concede la fiducia alla maggioranza.

Un’illuminazione che ha fatto recedere la sua ragione in virtù di un senso di rispetto che gli auguriamo non renda troppo permalosi i suoi elettori.

Io pensavo di assistere ad un Consiglio di Circoscrizione dove vi fosse una discussione politica su basi di profonde divergenze ed interventi atti a dimostrare la bontà di una o dell’altra parte ed invece stiamo assistendo a una seduta di psicodrammi personali.

Poi è la volta del Consigliere della lista “la Piazza” che snocciola i punti salienti del suo programma ; finalmente qualcosa di politico !

Siamo, quindi all’ultimo intervento, quello del futuro capogruppo PD che dimostra come sia facile togliere la maggioranza dalla maleodorante posizione creatasi come fa uno spalatore in una stalla.

Una maggioranza che non avrebbe bisogno di un appoggio della destra ( che sia la prova di un nuovo compromesso storico oppure l’inizio di una maggioranza come quella del governo Tambroni ? ) in quanto possiede in proprio tutti i voti necessari in quanto diversi Consiglieri hanno deciso di dare seguito a ciò che un grande giornalista consigliava … “tappiamoci il naso e votiamo … “

Nello stesso tempo sottende finemente che, nella stessa maggioranza, per certi versi si china la testa per ragioni di partito ma non si chiuderanno gli occhi ed il naso durante l’intera consiliatura.

E ai Cittadini che rimane ?

Beh che c’entrano i Cittadini ?

Hanno assistito gratuitamente a ben due conversioni in diretta mentre una, purtroppo per loro, è avvenuta precedentemente ( è comparsa una poltrona al Candidato il quale non ha potuto resistere al segno del divino superiore ).

Oltre ad uno spettacolo simile, a loro precedentemente è già stato concesso di votare, ora che altro potrebbero volere ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *